Uno Studio con Clorafabina-cyclophosphamide in pianificazione combinata e sequenziale come Terapia di Salvataggio in Adulti affetti da Leucemie Acute Linfoblastiche refrattaria e resistente (LAL1610)

MEDICI: Prof. Martinelli Giovanni, Dott.ssa Papayannidis Cristina, Dott.ssa Paolini Stefania, Dott.ssa Maria Chiara Abbenante, Dott.ssa Parisi Sarah, Dott.ssa Sartor Chiara
PATOLOGIA: Leucemia Acuta Linfoblastica
FASE: 2
TIPO: Interventistico
STATO RECLUTAMENTO: Attivo

OBIETTIVI:
Si tratta di uno studio multicentrico, studio pilota prospettico per testare una combinazione clofarabina-Ciclofosfamide per il trattamento dell’adulto con ALL, refrattario o resistente del midollo osseo, per il raggiungimento di una remissione completa (CR) e la valutazione contemporanea di risposta biologica in tutte le cellule (malattia residua minima, apoptosi e danni al DNA delle cellule, farmacogenomica).

FARMACI:

Clofarabine, Cyclophosphamide

PARAMETRI DI AMMISSIBILITA’:

Età ammessa: dai 18 anni ai 60 anni;
Entrambi i sessi sono arruolabili;
Non sono accettati volontari sani.

Inizio Studio: Ottobre 2012
Stima fine studio: Luglio 2015

CRITERI:
Criteri di inclusione:
• firma del consenso informato scritto secondo IGH / EU / GCP e le leggi locali nazionali.
• Età 18-60 anni.
• ALL con fenotipo a precursori B-/T refrattaria alla terapia di prima linea.
• Ricaduti a livello midollare di ALL con fenotipo precursori B-/T con verificata <24 mesi dalla prima remissione completa, dopo la chemioterapia o trapianto emopoietico di cellule staminali (HSCT) definito come segue:

• * ≥ 5% di blasti leucemici nel midollo osseo non attribuibili ad altre cause (ad es rigenerazione ossea); se non ci sono blasti circolanti e il midollo osseo contiene 5-20% di blasti leucemici, per confermare la ricaduta è necessaria una ripetizione dell’analisi del midollo osseo eseguita almeno una settimana dopo.
• ECOG performance status 0-2 o ECOG 3 reversibile in seguito al trattamento intensivo delle complicanze.
• Adeguata funzione epatica e renale, a meno che la leucemia non sia causa del malfunzionamento dell’organo.
• creatinina sierica <1,5 mg / dl; se la creatininemia > 1,5 mg / dl, la velocità di filtrazione glomerulare stimata (GFR) deve essere > 60 mL/min/1.73 m2 calcolato dalla modifica della dieta nell’equazione della malattia renale GFR (ml/min/1.73 m2) = 186 x (creatinina sierica) -1,154 x (età in anni) -0,023 x (0,742 se il paziente è di sesso femminile), x (1.212) se il paziente è nero.
• La bilirubina sierica ≤ 1,5 volte il limite superiore di normalità (ULN).
• aspartato transaminasi (AST) / alanina transaminasi (ALT) ≤ 2,5 x ULN.
• fosfatasi alcalina ≤ 2,5 x ULN.

Criteri di esclusione:
• L’esposizione precedente di clofarabina o, solo in pazienti refrattari alla prima terapia, a Ciclofosfamide durante i cicli di induzione.
• pazienti ricaduti > 24 mesi dalla prima CR. – Cromosoma Philadelphia-positiva (Ph +) ALL.
• Diagnosi di Burkitt-type/B-ALL, o linfoma B-/T-lymphoblastic con <25% di coinvolgimento del midollo osseo.
• sistema nervoso centrale (SNC) in ricaduta concomitante o isolato.
• patologia non controllata pre-esistente, come la malattia cardiaca (ischemia, infarto miocardico acuto negli ultimi 3 mesi, aritmie non trattata, classi NYHA III e IV).
• disturbo neurologico o psichiatrico grave che altera la capacità del paziente di comprendere e firmare il consenso informato, o per sottostare a tutte le procedure dello studio.
• infezioni fungine attive incontrollate, batteriche, virali o altre infezioni (definite come segni / sintomi in corso legati alle infezioni e senza miglioramento, nonostante antibiotici appropriati o altro trattamento).
• positività dell’HIV o infezione da epatite attiva. – Diagnosi concomitante di cancro che richiede la chemioterapia e / o radioterapia concomitanti, e / o con aspettativa di vita <1 anno.
• I pazienti che sono in gravidanza o adulti in potenziale stato riproduttivo che non impiegano un metodo efficace anticoncezionale (donne in età fertile devono avere un test di gravidanza negativo entro 48 ore prima della somministrazione della clofarabina-Ciclofosfamide). Le donne in post menopausa devono essere in stato di amenorrea da almeno 12 mesi per essere considerati potenzialmente non fertile. Pazienti di sesso maschile e femminile devono accettare di utilizzare un metodo efficace anticoncezionale in tutta la durata dello studio e per un massimo di tre mesi dopo l’interruzione del farmaco sperimentale.